Stelle di Natale: origini, consigli e varietà

Uno dei simboli di Natale per eccellenza, la Stella di Natale è stata importata in Europa solo negli ultimi anni per i suoi colori rosso e verde così sgargianti che si sono sposati fin da subito con l’atmosfera e gli addobbi natalizi più tradizionali.

Di origine tropicale la Stella di Natale ama il caldo e la perenne umidità, non sopporta temperature inferiori ai 20 gradi, ha bisogno di una luce costante, deve essere innaffiata regolarmente con poca acqua a temperatura ambiente e solo quando il terreno è ben asciutto, non deve stare troppo a contatto con fonti di calore (termosifoni, stufe o camini) e per stimolarne la crescita ha bisogno di potassio e fosforo (soprattutto quando le foglie tendono ad ingiallirsi o a cadere).

Ma dopo le feste è possibile mantenere la nostra Stella rigogliosa?

Certamente 😉 ! L’importante è continuare a concimarla con fertilizzanti liquidi a base di ferro, fosforo e potassio diluiti in acqua una volta al mese, arrivando in piena estate quando sarà possibile spostarla all’esterno, effettuando la concimazione una volta ogni quindici giorni.

Con l’arrivo dell’autunno ricordati di riportare la tua Stella all’interno della casa e sistemala in un angolo completamente buio…per Natale ti regalerà una fioritura più rossa che mai!

Show Garden continua anche nella stagione invernale il percorso di accurata selezione delle nuove varietà di piante e, con l’imminente arrivo del Natale ti proponiamo, oltre la Stella di Natale nella classica tonalità rossa, anche le due varianti rosa albicocca e bianca. Le nostre Stelle di Natale crescono in modo rigoglioso nel fogliame rimanendo belle piene per tutta la durata delle feste e anche dopo, con i giusti accorgimenti e le cure necessarie per mantenerle vive e in salute.

stelle-di-natale-show-garden varietà-stelle-di-natale-2014-arezzo

Author: showgarden

Share This Post On